gototopgototop
  1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero

DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero

DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero

DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero

DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero

DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero DENTAL FACIAL CENTER  - Dr.ssa Anna Maria Ruggiero

 

altTrattamento delle labbra

L'aumento del volume delle labbra può essere conseguito mediante diverse procedure mediche e/o chirurgiche che consistono nell'utilizzo di:
  • Materiali di riempimento iniettabili (fillers).
  • Impianti solidi (fili) .
  • Innesti di tessuto (autologo e non).
  • Lembi locali.
La scelta del tipo di procedura (medica o chirurgica) e del materiale utilizzabile dipende dal risultato estetico che si vuole conseguire e viene decisa, d'accordo con il paziente, al termine di un'accurata visita specialistica.

1. MATERIALI DI RIEMPIMENTO INIETTABILI (FILLERS)

I fillers sono dei materiali di riempimento che vengono iniettati mediante sottilissimi aghi all'interno delle labbra (vermiglio) o lungo il contorno della bocca, e permettono di modellare la forma e il volume delle labbra. Il trattamento viene generalmente effettuato in ambulatorio, senza ricorso ad alcuna anestesia, dura pochi minuti e, a parte un leggero gonfiore presente nelle prime 24-48 ore, non lascia postumi visibili che possano impedire l'immediata ripresa delle attività quotidiane.
I materiali di riempimento possono essere:
  • Riassorbibili.
  • Semipermanenti.
  • Permanenti.

Materiali riassorbibili: I fillers riassorbibili hanno il pregio di essere facilmente tollerati dall'organismo ma danno un aumento di volume temporaneo (dai 4 ai 12 mesi).
I materiali riassorbibili sono essenzialmente due: il collagene e l'acido ialuronico.
Queste sostanze sono proteine naturalmente presenti nella nostra cute e costituiscono la componente strutturale principale dei tessuti connettivi. Una volta iniettati, il collagene e l'acido ialuronico vengono progressivamente metabolizzati e quindi riassorbiti con tempi che variano da poche settimane a 12 mesi. I tempi di riassorbimento dipendono dal volume delle microparticelle e dai legami intermolecolari che le case farmaceutiche riescono a sintetizzare.
I prodotti commerciali più comuni contenenti acido ialuronico sono: "Restylane", "Perlane", "Juvederm", "Hylaform", "Vital", "Restylane subQ", mentre quelli contenenti collagene sono: "Zyderm" e "Zyplast" (entrambi di origine bovina), "Cosmoderm" e "Cosmoplast" (più recenti e più sicuri perché non di origine bovina).

Materiali semipermanenti: I fillers semipermanenti hanno il pregio di dare un risultato estetico più duraturo (dai 12 ai 36 mesi) ma, seppur raramente, possono provocare reazioni da corpo estraneo (granulomi).
I materiali semipermanenti sono essenzialmente tre: l'acido polilattico, il collagene associato al polimetilmetacrilato oppure l'acido ialuronico associato a un idrogel acrilico.
I materiali semiperamenti sono costitutiti da una componente riassorbibile nel giro di alcuni mesi e da una componente permamente.
I prodotti commerciali più comuni sono: "New fill" o "Sculptra", "Artecoll", "Dermalive" e "Reviderm intra".

Materiali permanenti: I fillers permanenti hanno il pregio di dare un risultato estetico definitivo ma talvolta possono dare una reazione di rigetto non prevedibile e difficilmente controllabile e correggibile.
I materiali permanenti sono derivati di polimeri con legami alchil-immidici e poliacrilamide e sono costituiti da molecole non riassorbibili.
Il silicone in forma di gel iniettabile è un filler permanente il cui uso è stato vietato dalla legge italiana agli inizi degli anni '90 per i numerosi effetti collaterali cui può dare adito.
Attualmente i prodotti più comuni ammessi in commercio sono: "Bioalcamid" e "Aquamid".

alt

Fig.1 Labbra sottili e atrofiche .
alt

alt

Fig.2 Risultato.

2. IMPIANTI SOLIDI (FILI)

Gli impianti solidi sono fili di materiale non riassorbibile che vengono inseriti all'interno delle labbra (vermiglio) o lungo il contorno della bocca al fine di aumentare in maniera permanente il volume e il contorno delle labbra.
Il trattamento viene generalmente effettuato in ambulatorio, in anestesia locale, dura pochi minuti e, a parte un leggero gonfiore che persiste nelle prime 24-48 ore, non lascia postumi visibili che possano impedire l'immediata ripresa delle attività quotidiane.
I fili utilizzati per il riempimento delle labbra sono derivati del ePTFE (Politetrafluoretilene espanso), un materiale di sintesi di laboratorio che si è dimostrato ottimale per la chirurgia ricostruttiva e la chirurgia estetica perché si integra molto bene nei tessuti, è biologicamente inerte e ha pochi effetti collaterali.
I prodotti commerciali più comuni sono: "Gore-Tex", "Advanta", "Softform" e "Ultrasoft".

3. INNESTI DI TESSUTO (AUTOLOGO E NON)

Gli innesti di tessuto sono trasferimenti di cellule prelevate da una parte del corpo e impiantate nelle labbra al fine di aumentare in maniera permanente il volume e il contorno delle labbra. Il trattamento viene generalmente effettuato in anestesia locale e in regime di day-hospital, dura circa mezz'ora e, a parte un leggero gonfiore che persiste nelle prime 24-48 ore, non lascia postumi visibili che possano impedire l'immediata ripresa delle attività quotidiane.

I tessuti utilizzati per il riempimento delle labbra sono generalmente autologhi (cioè prelevati dal proprio corpo e quindi ottimamente tollerati dall'organismo) e sono costituiti da grasso (lipofilling), derma o fascia muscolare.
Solo raramente viene fatto ricorso a tessuto non autologo noto in commercio con il nome di "Alloderm".
La tecnica del lipofilling consiste nel prelevare mediante un sottile ago o una cannula piccole quantità di grasso che vengono poi iniettate nella zona interessata .
L'innesto di derma o fascia avviene invece mediante il prelievo chirurgico e il riposizionamento del tessuto nelle labbra attraverso due piccole incisioni agli angoli della bocca.

4. LEMBI LOCALI

Per aumentare in maniera permanente il volume e il contorno delle labbra è possibile utilizzare anche dei lembi locali, effettuando delle incisioni (a forma di W, V o Y) nella parte interna della bocca e trasferendo un lembo di tessuto locale all'esterno delle labbra.
Questo trattamento ha il vantaggio di utilizzare tessuto locale e di evitare, quindi, problemi di rigetto o di riassorbimento cui si può andare incontro con alcuni degli impianti sopra descritti.
Il trattamento viene generalmente effettuato in anestesia locale e in regime di day-hospital e dura circa due ore.
Subito dopo l'intervento e per circa una settimana persisterà un leggero edema e gonfiore nella regione trattata.
Il risultato estetico conseguibile con questo tipo di trattamento è definitivo e molto naturale.

Trattamenti